Privacy Policy

martedì 24 marzo 2009

Due Need for Speed in un anno?

L’Electronic Arts aveva promesso che, dopo il Need for Speed: Undercover dello scorso autunno, il successivo sarebbe stato rilasciato nel 2010. Non solo, ma il progetto NfS prevedeva che il gioco d’ora in poi sarebbe dovuto essere programmato solo per gli anni pari, ossia un nuovo episodio ogni due anni. Orbene, dopo il precedente annuncio che trovate in questa news, sembra che arriverà pure un secondo gioco quest’anno!
Segnate questa data storica: 17 settembre. Non è storica solo perché arriverà Need for Speed Shift, ma anche perché precederà l’uscita nordamericana (22 settembre)! Quando mai noi europei siamo stati privilegiati da un’azienda di videogiochi con sede fuori del Vecchio Continente?
Il gioco è previsto nei formati PC, PlayStation 3, XBox 360 e PSP. Manca la versione per Nintendo Wii.

Lo sviluppatore per quasi tutte le versioni è Slightly Mad Studios. Si tratta di una software house giovane, che con Need for Speed Shift, segna il debutto nel mondo dei videogiochi che conta, ma formata da sviluppatori di talento che hanno già lavorato su giochi di simulazione di guida come GT Legends e GTR. La versione per PSP è, invece, affidata a EA Bright Light.

Il nuovo capitolo di Need for Speed conterrà un parco macchine più ampio rispetto quello cui ci hanno abituato i predecessori che include, fra le altre vetture, Pagani Zonda F, Porsche 911 GT2 e Lotus Elise. Il gioco vanta un nuovo sistema di gestione per la guida che garantirà un approccio maggiormente simulativo. Slightly Mad Studios ha pensato anche a un nuovo motore fisico e a un nuovo sistema per la gestione dei danni.

Gli abitacoli delle vetture sono stati riprodotti fedelmente. Inoltre, la visuale di gioco riproduce i balzi cui è sottoposto il pilota in maniera realistica, perché reagirà agli scossoni e alle imperfezioni del tracciato. Anche l’Intelligenza Artificiale sarà avanzata: ogni pilota, infatti, si comporterà in maniera differente in funzione delle caratteristiche della propria macchina e dei comportamenti del giocatore.









Fonte: Hardware Upgrade

Reazioni:

0 commenti :

Posta un commento