Instagram: individuate su Google Play 13 app pericolose che rubano le credenziali di accesso – Analisi Eset –

Instagram: individuate su Google Play 13 app pericolose che rubano le credenziali di accesso

Installate da un milione e mezzo di utenti in tutto il mondo, le app comparivano su Google Play come strumenti per gestire o incrementare il numero dei followers sul popolare social network

eset - Instagram: individuate su Google Play 13 app pericolose che rubano le credenziali di accesso - Analisi Eset -
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione Europea, hanno individuato 13 applicazioni compromesse sul Play Store di Google che rubavano le credenziali di accesso ad Instagram e le inviavano ad un server remoto gestito da cyber criminali. Le 13 applicazioni sono state installate da un milione e mezzo di utenti in tutto il mondo e, dopo la notifica di ESET, sono state rimosse dal Play Store.

Individuate con il nome di Android/Spy.Inazigram, le app utilizzavano tutte la stessa tecnica di raccolta delle credenziali e di invio ad un server remoto: per invogliare gli utenti al download, le app malevole promettevano un incremento rapido dei followers, dei like e dei commenti sul proprio account di Instagram. Ironia della sorte, gli account compromessi venivano poi utilizzati per aumentare il numero dei seguaci di altri utenti.

In particolare l’applicazione “Instagram Followers” proponeva all’utente l’accesso tramite una schermata sosia di Instagram e le credenziali immesse nel modulo venivano poi inviate in formato testo ad un server remoto. Dopo aver inserito le credenziali, l’utente non riusciva più ad accedere al proprio account e veniva invitato a verificare le credenziali sul sito ufficiale di Instagram.

Cosa accadeva alle informazioni rubate? Oltre alla possibilità di utilizzare gli account compromessi per la diffusione di spam e annunci, queste venivano utilizzate per incrementare il numero di seguaci, like e commenti di altri profili del social network.

Per verificare se il proprio account Instagram è stato compromesso, i ricercatori di ESET invitano a porre attenzione ad alcuni dettagli: 
  • avete ricevuto un avviso dal popolare social network su un tentativo di accesso non autorizzato al vostro profilo? 
  • il vostro account ha stranamente incrementato il numero di followers? 
  • vi trovate a ottenere risposte su commenti mai postati? 

In caso positivo sarà opportuno cambiare immediatamente la password di Instagram e, nel caso in cui si utilizza su diverse piattaforme la stessa password cambiare anche queste ultime, utilizzando codici diversi per ogni account. E’ importante infine utilizzare una soluzione di sicurezza mobile affidabile per proteggere il proprio dispositivo da questa e da altri tipi di minacce.

Per conoscere la lista delle 13 app malevoli collegate ad Instagram e per ulteriori informazioni sull’argomento è possibile visitare il seguente link al blog di ESET Italia:

profilo01 80x80 - Instagram: individuate su Google Play 13 app pericolose che rubano le credenziali di accesso - Analisi Eset -
Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
profilo01 80x80 - Instagram: individuate su Google Play 13 app pericolose che rubano le credenziali di accesso - Analisi Eset -
Seguimi
(Visited 48 times, 1 visits today)
Ad

About Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.